mercoledì 15 aprile 2009

Ritratto di città - Roma - In giro

Foto 1 - Caffè
Foto 2 - Piazza Navona
Foto 3 - Cortile
Foto 4 - Il venditore di ombrelli

6 commenti:

Anonimo ha detto...

belle foto, ciccio.
Z.

Caçador ha detto...

Olá.
No sapevo que eri qui.È un onore. Anche il tuo blog me mi piace. Anche Moebiu e il grande Hugo Pratt.

Ciao.

arzach ha detto...

@cacador: Ola io sto qui . Torna a trovarmi ciao

Caçador ha detto...

Volevo dire che no sapevo che io sono qui, in tuo blog e in tuo "quelli con cui mi vedo".
Tornerò, chiaro.
Ciao

Roberta ha detto...

Tutte e tre particolari, ma la seconda mi attira più delle altri forse per il gioco visivo dei raggi; confluiscono su un unico centro, non so, è un foto che fa soffermare lo sguardo.

Anonimo ha detto...

SE GLI INSETTI SI RIBELLANO ALLE PIANTE

e le piante si ribellano alle case
poi le case si ribellano alle stanze
e le stanze si ribellano a mia madre.

e se mischio il sole e il tuorlo d’uovo
e il pompelmo e li bevo alla mattina
cresco bella come una mimosa
gialla e grandissima come la Cina.

poi se imparo davvero a riordinare
dati e abiti negli armadi e nel cervello
penso nulla mi potrà mai più frenare
a capire cosa è vita e cosa è bello.

allora l’amore crescerà da solo
come un timido geco ipocondriaco
o un diamante talmente plateale
da sconfiggere persino lo zodiaco.
(La poesia di F. Genti che ti dicevo ieri sera a cena)

Ciao ciccio, tua desolata Zelda