martedì 7 settembre 2010

Lo vuoi un caffè? # 191 - Redux (...ai minimi termini!)



I corridoi del Tribunale in questi primi giorni di settembre sono ancora semideserti.

Pian piano riprendono a rianimarsi, quasi di ora in ora, man mano che gli uffici riaprono e riprendono l’attività a pieno regime e che si ritorna dalle ferie.

Ci si rincontra con i colleghi con lo spirito dei reduci e la consapevolezza di quello che ci attende e ci si saluta affettuosamente e ci si racconta delle vacanze.

Tra qualche giorno non avremo molto tempo per farlo.

Come sono andate le vacanze?” – mi chiede l’avv. A

Bene direi e a te ?” chiedo di rimando

Bene anche a me. Sono stato con mia moglie a X un posto fantastico, veramente molto molto bello” – sorride beato A - “Ovviamente anche in culo al mondo c’è sempre una cliente che ti chiama mentre sei sulla spiaggia a X a non fare un cazzo nell’unica settimana che hai a disposizione approfittando dell’unica volta che hai dimenticato il cellulare acceso..”

Capita..” - gli sempre faccio comprensivo memore di personali e simili esperienze – “E che voleva questa di tanto urgente?” - chiedo curioso.

L’animaccia sua …” – sbotta lui e, imitando, una lamentosa voce femminile -“Avvocato mi scusi volevo un consiglio da lei … Mio figlio non vuole lavorare … Sta sempre a casa non vuole fare niente … Lei che ne pensa ? Non c’è qualcosa che possiamo fare? Lo possiamo fa chiamare dal giudice ?”


Lo vuoi un caffè? “ – chiede quello

Questa è la segreteria telefonica di…” - risponde l’altro

5 commenti:

Ciboulette ha detto...

non vale, ora voglio anche la risposta alla domanda, metti che dovessi un giorno avere un figlio sfaticato :)

touareg ha detto...

Se non ti conoscessi penserei fosse una barzelletta.
Certo una mamma preoccupata è capace di tutto, poi il cellulare......Proprio oggi pensavo a quanto era tutto più semplice, quando il tel. era attaccato ad una parete ed era sempre li come un faro.Quando squillava sapevi che era li, oggi invece lo si cerca affannosamente quando suona, magari nel frattempo è finito sotto al sedile. E allora sicuramente non ti chiamava nessuno in vacanza......Era meglio quando si stava peggio? Ai posteri l'ardua sentenza.

arzach ha detto...

@ciboulette: la riposta alla domanda della signora è assolutamente impubblicabile. Uno perchè l'esimio collega ha, giustamente!, espresso le sue opinioni sulla signora con una certa, come dire?...enfasi. due perche mi è venuto un attacco di ridarella che mi ha quasi ucciso e quindi non è che abbia capito molto di quello che ha detto.

arzach ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
arzach ha detto...

@touareg: si stava meglio prima. Non c'è dubbio alcuno. Lo scorso anno è capitato ame di ricevere mentre ero in vacaza a New York una telefonata nel cuore della notte - ore tre del mattino - causa fuso orario il 16 Agosto. Al mio rientro non l'ho ucciso ma solo perche la mamma mi ha fatto educato.