mercoledì 20 novembre 2013

Lo vuoi un caffè? # 379 - Walk on the Honey Side of the Street




La telefonata arriva nel tardo pomeriggio di un piovoso giorno di ricevimento.
Dall'altro capo solo poche parole per stabilire il luogo dell'appuntamento e una raccomandazione ad essere veloce perchè la roba "scotta".
Avviso il mio collaboratore di dirottare tutte le telefonate ad altra data e di rinviare quelli già fissati.. tanto quei disgraziati sono in ritardo "solo" di due ore.
Indosso la giacca e sotto la pioggia battente che mi accompagna martellando il tetto della mia auto raggiungo il luogo concordato.
X aspetta in macchina al riparo dalla bufera. 
Accosto.
I finestrini si abbassano. 
Un rapido cenno di saluto e il pacco passa di mano velocemente, camuffato in un sacchetto impermeabile con il logo di un negozio di arredamento, che non riesce a nascondere l'odore del contenuto.
Un rapido saluto e i finestrini si richiudono e ci allontaniamo velocemente.
X in studio ha già provveduto a preparare l'occorrente.
Il pacco è depositato sulla scrivania coperta di fogli protocollo per non lasciare tracce.
Apro il pacco con l'aiuto di X.
L'odore del contenuto si diffonde nello studio, colpisce le narici con forza penetrante, avvolgente...
Il contenuto è magnifico, una gioia per gli occhi.
Io ed X ci scambiamo, sorridenti, uno sguardo complice di intesa.
"Abbiamo anche qualcosa da bere?" - chiedo - "Questa torta sembra buonissima".

"Lo vuoi un caffè?" - chiede quello
"Preferirei un porto, mi sembra più adeguato data l'occasione" - risponde l'altro

Nessun commento: